Coltelli giapponesi

Test coltelli giapponesi - Rapporti di prova veritieri con foto e una panoramica a 360 gradi

Avete bisogno di un aiuto versatile che non vi deluderà in nessuna situazione? Allora un coltello giapponese è l'assistente giusto per ridurre carne, pesce o verdure dure in piccoli pezzi.

Ultimo aggiornamento al: 15.04.2019, 11:33

Prodotti testati

Stallion Coltello Damasco Wave - thumbnail Sigillo di prova: Stallion Coltello Damasco Wave, Valutazione ottimo

Stallion

Coltello Damasco Wave

Il Stallone - Coltello in damasco Wave convince per la lama molto dritta senza intaccature e anche la stabilità del coltello all'impugnatura è di prima qualità. La lama tuttavia potrebbe essere un po' più spessa ed è leggermente sbilanciata.

Qui potete trovare il rapporto di prova
SHAN ZU Coltello damasco - thumbnail Sigillo di prova: SHAN ZU Coltello damasco, Valutazione ottimo

SHAN ZU

Coltello damasco

Il SHAN ZU - coltello in damasco mostra i suoi lati migliori. Si impugna saldamente e la lama è priva di intaccature. Gli unici aspetti negativi sono i forti movimenti di taglio necessari per tagliare la carne, poiché altrimenti il coltello non ne afferra la consistenza.

Qui potete trovare il rapporto di prova
Wakoli Serie King - thumbnail Sigillo di prova: Wakoli Serie King, Valutazione buono

Wakoli

Serie King

Il Wakoli - Serie King è valorizzato da una grande lavorazione e la lama è molto dritta. Purtroppo, questa ha leggere intaccature e la venatura in damasco sembra essere stata stampata.

Qui potete trovare il rapporto di prova
Vincitore
Miglior rapporto prestazioni/prezzo
Il nostro vincitore del test: Stallion Coltello Damasco Wave SHAN ZU Coltello damasco Wakoli Serie King

Stallion

Coltello Damasco Wave

SHAN ZU

Coltello damasco

Wakoli

Serie King
Vantaggi
  • molto dritto
  • nessuna intaccatura nella lama
  • coltello molto saldo nella presa
  • nessuna intaccatura
  • buona saldezza
  • fantastica lavorazione
  • molto dritto
Svantaggi
  • leggermente sbilanciato
  • la lama potrebbe essere più spessa
  • Con la carne sono necessari più movimenti di taglio
  • il motivo sembra stampato
  • lievi intaccature
Riassunto

Coltello giapponese spesso, che in ogni caso vale il suo prezzo.

Un buon compagno da cucina con un ottimo rapporto prezzo/prestazioni

In questo coltello giapponese purtroppo non si è prestata attenzione ai dettagli; nonostante questo, soddisfa il suo scopo.

Materiale acciaio VG10 acciaio damasco acciaio damasco
Lavorazione Molto buona buona buona
Garanzia supplementare / 3 anni di garanzia con registrazione online Garanzia di rimborso di 14 giorni
Fornitura in dotazione coltello, manuale d'istruzioni coltello, manuale d'istruzioni, pellicola protettiva coltello, manuale d'istruzioni
Altezza 35,5 cm 33,5 cm 33 cm
Larghezza 5 cm 4 cm 4,5 cm
Impressione sulla qualità molto buona buona buona
Imballaggio molto buono soddisfacente buono
Lingua del manuale d'istruzione DE, EN, FR, IT, ES EN DE, EN
Qualità del manuale d'istruzione Buona buona molto buona
Peso 239 g 282 g 217 g
Qualità del taglio
Lavorazione
Dotazione di fornitura
Ergonomia
Design
Sigillo di prova: Stallion Coltello Damasco Wave, Valutazione 1.3
Qui potete trovare il rapporto di prova
Sigillo di prova: SHAN ZU Coltello damasco, Valutazione 1.4
Qui potete trovare il rapporto di prova
Sigillo di prova: Wakoli Serie King, Valutazione 2.2
Qui potete trovare il rapporto di prova
mostra tutte le offerte mostra tutte le offerte mostra tutte le offerte

*Tutti i prezzi includono l'IVA. Eventuali costi di spedizione aggiuntivi. Verificare la disponibilità presso il rivenditore online. Sono possibili variazioni di prezzo successive all'ultimo aggiornamento.

Il nostro vincitore del test

Il Stallone - Coltello in damasco Wave convince per la lama molto dritta senza intaccature e anche la stabilità del coltello all'impugnatura è di prima qualità. La lama tuttavia potrebbe essere un po' più spessa ed è leggermente sbilanciata.

  • Pulire il coltello giapponese solo a mano e non lavarlo mai in lavastoviglie o con detergenti aggressivi.
  • Per la manutenzione, utilizzare olio privo di acidi, che può essere utilizzato sulla lama e su un manico di legno.
  • Non tagliare su vetro, porcellana o marmo. Anche i taglieri in legno incollato o bambù smussano rapidamente le lame del coltello.
  • Per affile i coltelli giapponesi si dovrebbe sempre usare una pietra ad acqua giapponese. Quando si utilizzano pietre delle secche o acciaini, durante l'affilatura possono verificarsi brevi picchi di temperatura a causa del mancato raffreddamento, che può portare alla ricottura dell'acciaio nella zona di taglio.
 

Come testiamo su askgeorge.com?

Abbiamo portato tutti gli apparecchi elencati nei nostri locali di prova di Amburgo.

In precedenza, un'ampia ricerca era all'ordine del giorno. Quali test saranno effettuati? Quali sono i fornitori presenti sul mercato? Quali sono i prodotti attuali? Quali sono i criteri di confronto?

Qui viene definita e documentata la procedura di prova. Ogni singolo apparecchio viene sottoposto al test prescritto. Tutto viene registrato con foto e video. Ogni proprietà e ogni risultato è documentato.

Segue poi la valutazione in diverse categorie e il punteggio finale viene calcolato obiettivamente.

Sulla base dei punteggi dei test e del nostro confronto dei prezzi troverete il vincitore del vostro test.

Con la giusta cura potrete godervi a lungo i vostri coltelli giapponesi. In nessun caso i coltelli devono essere messi in lavastoviglie per la pulizia, ma devono essere accuratamente puliti sotto l'acqua corrente con pochissimo detersivo. Un panno molto morbido è adatto per l'asciugatura.

Per mantenere l'affilatura, i coltelli devono essere affilati regolarmente. Sono comuni tre diverse varianti.

Macina per affilare

La più efficace è la macina di pietra. Le pietre abrasive sono disponibili in varie grane. A seconda del tipo di pietra da utilizzare, è necessario selezionare la granulometria. I grani più grossi (da 200 a 500) sono adatti per coltelli smussati o per piccole riparazioni delle lame. Per l'affilatura si utilizzano solitamente granulometrie da 800 a 1000. Le granulometrie più fini (2000 - 3000) sono da considerare come pietre per lucidare, che servono a perfezionare il risultato dell'affilatura. Molte macine hanno due diverse granulometrie e possono quindi essere utilizzate in molti modi diversi.

L'impiego non è difficile, ma richiede una certa pratica. La macina di pietra deve prima essere immersa in acqua per circa dieci minuti. E' estremamente importante che la pietra sia sempre bagnata, perché l'umidità serve come lubrificante. Durante l'affilatura, fare attenzione a mantenere un angolo di 15-18 gradi. Se non siete sicuri, è possibile ottenere un supporto che aiuti l'affilatura dei primi impieghi e che viene semplicemente messo sul coltello. Poi si tira via il coltello più e più volte e lo si affila fino a quando si percepisce una piccola sbavatura sul lato opposto.

Affilacoltelli o acciaino

coltello giapponese affilatura a sbarra
sharpening rod - Foto: © skatzenberger adobestock

Per una veloce affilatura occasionale, è adatto un affilatore in acciaio o un acciaino. L'uso dell'affilacoltelli è autoesplicativo. I coltelli vengono semplicemente tirati attraverso il blocco. Assicurarsi solo che l'affilacoltelli non abbia anelli di affilatura in metallo duro.

A proposito, vale la pena di investire un po' di soldi negli utensili di affilatura giusti al momento dell'acquisto, perché se, ad esempio, la qualità dell'affilacoltelli è scarsa, prima o poi la lama del coltello giapponese ne risentirà. Se, ad esempio, si utilizza una sbarra da affilatura in metallo e non in ceramica, questa è troppo grezza per i vostri coltelli giapponesi e, alla lunga, li distruggerà.

Ci vuole un po' di tempo per imparare le varie tecniche di affilatura, ma solo chi affila regolarmente i propri coltelli può beneficiare a lungo della loro qualità. Dopo tutto, un coltello è tanto buono quanto affilato, quindi anche un coltello giapponese non affilato può essere privato dei suoi punti di forza.

C'è anche la possibilità di affidare i vostri coltelli a un rivenditore che li può affilare professionalmente per voi.

Ogni tipo di coltello ha il suo scopo e ce ne sono di molti tipi. Per la maggior parte dei cuochi amatoriali, tuttavia, i tipi di coltelli qui presentati sono sufficienti. Prima di tutto, i diversi tipi di coltelli si differenziano per forma, lunghezza, spessore e larghezza della lama. Prima di comprare un coltello, deve essere chiaro per quale scopo lo si acquista. Un coltello giapponese progettato per tagliare la carne avrà difficoltà a filettare fette sottili di pesce.

Santoku - il tuttofare
Se volete familiarizzare con il coltello giapponese, il Santoku è un ottimo coltello per cominciare. Ha la reputazione di essere un tuttofare e taglia senza problemi carne, pesce e verdure. Il coltello è di solito disponibile in diverse dimensioni, ma ha i suoi punti deboli nella sfilettatura del pesce, nel tritare e nello sbucciare. Un altro classico coltello universale è il Bunka, che è stato sviluppato appositamente per i pescatori e può essere utilizzato in molti modi diversi.

Petty - per i piccoli dettagli
Il Petty, ad esempio, è adatto per la pelatura, in quanto è molto maneggevole e molto adatto per lavori di precisione. Appartiene più alla categoria dei coltelli multiuso, ma ha una lama molto affilata.

Sashimi/Yanagiba - lo specialista del pesce
Se ti piace il Sushi, conoscerai il Sashimi. Grazie alla sua lama lunga e stretta, è molto adatto al taglio di filetti molto sottili, sia di pesce che di carne. Il taglio è spesso effettuato in una sola volta, quindi la manipolazione di questo coltello giapponese richiede una certa pratica.

Gyuto - perfetto per la carne
Questo coltello giapponese ha una lama lunga e stretta ed è molto adatto alla lavorazione della carne. I tendini e il grasso possono essere facilmente rimossi; è affilato su entrambi i lati ed è spesso usato come coltello per tutti i giorni. Per i lavori più piccoli, come ad esempio sulle verdure, tuttavia, le sue dimensioni lo rendono meno adatto.

Nakiri e Usuba - specialisti per verdure
Entrambi sono coltelli tradizionali per verdure e, grazie alle loro superifici larghe, sono molto adatti per tagliare e affettare le verdure. La differenza è che il Nakiri è affilato su entrambi i lati, l'Usuba su uno. L'Usuba quindi richiede un po' più di pratica, ma permette tagli più fini. Per il cuoco amatoriale un Nakiri è di solito del tutto sufficiente.

Deba - il coltello robusto
Il Deba ha una lama molto spessa e robusta ed è quindi particolarmente adatto per lavori più grossolani come il taglio del pesce e di altri tipi di carne. Le spine possono essere facilmente tagliate e la squama rimossa. Se avete pratica con Deba, potete usarlo anche per la filettatura. Una variante leggermente più fine del Deba è il Funayuki. Anche Ajikiri è vicino a Deba. E' molto adatto per la sfilettatura di pesci più piccoli.

La produzione di coltelli giapponesi è molto complessa e si caratterizza per la piegatura del metallo. I coltelli vengono piegati diverse centinaia di volte, trattati in mezzo, puliti e ricotti ripetutamente.

Di solito la produzione inizia con un coltello grezzo fatto di vari tipi di acciaio, che è ancora abbastanza smussato. Il coltello giapponese è composto da due o più strati di acciaio e ferro morbido. In questo modo si aumenta la resistenza alla rottura dei coltelli. Il coltello giapponese viene poi affilato con un angolo di 12 gradi, che è significativamente inferiore a quello di altri produttori di coltelli. La lama è saldamente avvitata al manico e non è incollata, quindi la lama non può rompersi.

Non è del tutto possibile distinguere una fabbricazione tipica dei coltelli giapponesi. Molti coltelli giapponesi sono ancora prodotti individualmente a mano in ogni fase di lavoro, altri sono in parte prodotti meccanicamente. La produzione di un coltello completamente fatto a mano è molto più complessa: viene ripetutamente riscaldato, piegato e affilato fino a soddisfare i requisiti.

Vari tipi di acciaio sono utilizzati nella produzione dei coltelli giapponesi. Conosciuti e popolari sono i coltelli giapponesi in acciaio Damasco, chiamati anche coltelli Damasco. Questo acciaio è costituito da acciaio ad alto e basso contenuto di carbonio. I due tipi di acciaio vengono forgiati insieme durante la produzione e il materiale viene piegato più volte. i coltelli in Damasco sono molto duri e soprattutto molto affilati, ma non inossidabili, il che di solito non è un problema con la cura appropriata. Sono molto facili da affilare e relativamente flessibili. Per rendere visibile il tipico disegno, la lama deve essere corrosa dopo la produzione, in quanto l'acido attacca i vari strati.

Aogami è realizzato in un foglio di acciaio di colore blu. Di solito contiene carbonio, cromo e tungsteno. Questi coltelli sono estremamente affilati e duri, ma non a prova di rottura e non devono essere usati facendo leva.

Lo Shirogami è fatto di un foglio di acciaio bianco, è molto duro e tagliente, ma piuttosto fragile.
Tutti e tre questi materiali non sono inossidabili. Lo sono invece i coltelli in VG-10. Questi contengono un'alta percentuale di cromo. Sono meno soggetti a rotture e sono relativamente taglienti e duri. Ci sono anche coltelli in carbonio, che di solito scorrono un po' durante il lavoro e durante l'affilatura diventano ancora più duri di quando li si acquista.

In termini di prezzo, i vari coltelli giapponesi sono nella categoria di prezzo superiore e i modelli per principianti partono da 50 EUR per un solo coltello. Come con molte altre cose, non ci sono limiti massimi al prezzo, ci sono un sacco di coltelli giapponesi fatti a mano, che sono di conseguenza costosi. Tuttavia, poiché i coltelli giapponesi sono un investimento a lungo termine, vale la pena mettere mano al portafoglio.

La storia dei coltelli giapponesi ha circa 2000 anni. I giapponesi sono sempre stati noti per la loro lavorazione delle spade, se si pensa agli antichi guerrieri samurai con le loro lunghe lame. A quel tempo il coltello giapponese non era affatto un utensile da cucina, ma era pensato soprattutto come arma. Le spade Samurai non erano fatte di acciaio damasco, ma di acciaio raffinato. Con queste lame il materiale viene piegato e saldato più e più volte, in modo che il materiale sia il più omogeneo possibile.

La svolta è avvenuta molti secoli dopo, con la seconda guerra mondiale. I coltelli giapponesi sono diventati col tempo sempre più popolari tra le casalinghe, in quanto potevano alleggerire molto il loro lavoro. Infatti lavorare con un coltello giapponese non richiede alcuna fatica.

Solo negli anni '70 il coltello Santoku è diventato famoso in Europa. L'affilatura del coltello così come il design unico dei vari tipi di ferro e acciaio sono stati fattori decisivi del successo del coltello damasco e di altri coltelli giapponesi in Europa.

La storia dell'acciaio Damasco risale probabilmente ancora più indietro nel tempo. Questo acciaio veniva usato per i coltelli già intorno a circa il 300 aC.

I migliori chef li hanno scelti da molto tempo: i coltelli giapponesi! Una moltitudine di proprietà come l'ottima lavorazione e una affilatura senza pari parlano da sole. Ci sono coltelli adatti alle più svariate esigenze e ai più diversi campi di impiego, che possono dare gioia al loro proprietario per molti anni, con la giusta cura.

Cosa sono i coltelli giapponesi?

Stallion Coltello Giapponese
Standard Coltello Giapponese

In primo luogo, i coltelli giapponesi sono coltelli per la casa e la cucina che godono di grande popolarità. I coltelli giapponesi, tuttavia, sono più che semplici coltelli da cucina, perché convincono per la loro impressionante affilatura. Un coltello giapponese ha una cosiddetta affilatura a V, che distingue significativamente questi coltelli da quelli europei. Inoltre, nei coltelli europei si presta molta attenzione a contenere il prezzo e a che siano lavabili in lavastoviglie. I coltelli giapponesi, invece, sono pensati per poter essere ben maneggiati e per essere ben affilati.
Esteticamente sono spesso molto interessanti, il che comunque non è l'obiettivo della produzione. I coltelli giapponesi sono indubbiamente un arricchimento in cucina. Grazie al materiale e al metodo di produzione speciali, i coltelli sono estremamente delicati, non si spezzano né schiacciano. In questo modo non si distruggono le cellule e si ottiene il massimo del gusto, quando si mangia il cibo.

Vincitore
Miglior rapporto prestazioni/prezzo
Il nostro vincitore del test: Stallion Coltello Damasco Wave SHAN ZU Coltello damasco Wakoli Serie King

Stallion

Coltello Damasco Wave

SHAN ZU

Coltello damasco

Wakoli

Serie King
mostra tutte le offerte mostra tutte le offerte mostra tutte le offerte

*Tutti i prezzi includono l'IVA. Eventuali costi di spedizione aggiuntivi. Verificare la disponibilità presso il rivenditore online. Sono possibili variazioni di prezzo successive all'ultimo aggiornamento.

Valuta questo test