Stazione meteo

Test stazione meteo 2019: qui i risultati dettagliati con foto, video e valutazioni!

Le stazioni meteo sono ancora oggi molto popolari. Dopo tutto, il sole e le precipitazioni influenzano le nostre decisioni quotidiane:

Cosa mi metto?

Mi porto un ombrello o no?

Prendo la macchina o vado in bicicletta?

I barometri di oggi rendono queste decisioni più facili per te. Radio, WLAN, sensori per vento e pioggia possono spesso essere usati per fare previsioni affidabili.

Abbiamo testato per te cinque stazioni meteo al di sotto dei 100€, prestando particolare attenzione alla precisione dei dati e alla gamma di funzioni offerte. La vincitrice del nostro test è la Hama EWS-3200: questo apparecchio è facile da usare e fornisce dat meterologici piuttosto precisi. Ha ottenuto la valutazione finale di 9,6/10!

Ultimo aggiornamento al: 03.06.2019, 10:22

Prodotti testati

Hama Stazione meteo EWS-3200 - thumbnail Sigillo di prova: Hama Stazione meteo EWS-3200, Valutazione ottimo

Hama

Stazione meteo EWS-3200

La EWS-3200 di Hama convince in tutti i settori. Il dispositivo è facile da usare e ha molte funzioni diverse. Il display si legge ottimamente da brevi e lunghe distanze. La trasmissione via radio funziona senza intoppi e i dati vengono visualizzati correttamente e aggiornati regolarmente.

Qui potete trovare il rapporto di prova
BALDR Stazione meteo - thumbnail Sigillo di prova: BALDR Stazione meteo, Valutazione ottimo

BALDR

Stazione meteo

La caratteristica speciale della stazione meteo BALDR è il display LCD con touch screen, molto comodo da usare. Tutti i dati possono essere letti facilmente sia a breve che a lunga distanza. Ciò è garantito anche dalla struttura panoramica del menu. La trasmissione via radio funziona perfettamente. Rispetto agli altri dispositivi, la stazione meteo non dispone di un display della pressione dell'aria.

Qui potete trovare il rapporto di prova
FanJu FJ3365W Stazione meteo - thumbnail Sigillo di prova: FanJu FJ3365W Stazione meteo, Valutazione soddisfacente

FanJu

FJ3365W Stazione meteo

La stazione meteo FJ3365W di FanJu dà una buona impressione a prima vista. L'aspetto legno del dispositivo è esteticamente affascinante. Tuttavia, si nota rapidamente che la lavorazione dell'apparecchio è a buon mercato. I tasti possono essere premuti solo lentamente e non è divertente utilizzare l'apparecchio. Inoltre, il display è difficile o addirittura impossibile da leggere, a seconda della vista, senza l'attivazione dell'illuminazione. La trasmissione via radio funziona perfettamente e i dati visualizzati sono accurati.

Qui potete trovare il rapporto di prova
Vincitore Miglior rapporto prestazioni/prezzo
Il nostro vincitore del test: Hama Stazione meteo EWS-3200 BALDR Stazione meteo FanJu FJ3365W Stazione meteo

Hama

Stazione meteo EWS-3200

BALDR

Stazione meteo

FanJu

FJ3365W Stazione meteo
Vantaggi
  • Trasmissione via radio
  • Display ben leggibile
  • Menu panoramico
  • Maneggevolezza
  • Trasmissione via radio
  • Display ben leggibile
  • Menu panoramico
  • Maneggevolezza
  • Display touch
  • Trasmissione via radio
  • Design
Svantaggi
  • Poche funzioni
  • Maneggevolezza
  • Display difficilmente leggibile
  • Lavorazione a buon mercato
Previsioni del tempo Non visualizzato
Calendario e fasi lunari Non visualizzato
Umidità interna ed esterna
Riassunto

La stazione meteo soddisfa completamente le aspettative.

Facile da utilizzare con display touch e menu panoramico.

La qualità appare mediocre ed è difficile da utilizzare.

Fornitura in dotazione Unità principale, sensore, manuale d'istruzioni, batterie Unità principale, sensore, manuale d'istruzioni Unità principale, sensore, alimentatore, istruzioni per l'uso
Imballaggio Semplice, attraente Semplice, attraente Semplice, attraente
Garanzia supplementare - - -
Qualità del manuale d'istruzione Molto buona DE, FR, EN Molto buona
Lingua del manuale d'istruzione GB, DE, FR, ES, RUS, IT, CZ, PL, SK, RO Buona EN, DE
Batterie in dotazione - -
Tipo di batterie 3x AA, 2x AAA Unità principale: 3x AAA, Sensore: 2x AA 2x AA
Impressione sulla qualità Buona Soddisfacente Sufficiente
Larghezza Unità principale: 10,9 cm; Sensore: 6,5 cm Unità principale: 14,2 cm; Sensore: 5,8 cm Unità principale: 16,4 cm; Sensore: 4,9 cm
Altezza Unità principale: 15,6 cm; Sensore: 9,1 cm Unità principale: 9,7 cm; Sensore: 9,6 cm Unità principale: 12,5 cm; Sensore: 9,7 cm
Profondità Unità principale: 5,3 cm; Sensore: 2,3 cm Unità principale: 2,1 cm; Sensore: 2,2 cm Unità principale: 4,5 cm; Sensor: 2,4 cm
Peso Unità principale: 257 g; Sensore: 65 g Unità principale: 159 g; Sensore: 50 g Unità principale: 247 g, 52 g
Dispositivo di sospensione Solo per il sensore
Frequenza 433 MHz 433 MHz 433 MHz
LED-Spia Funziona solo con alimentatore
Schermo LCD-Display LCD-Display a colori con schermo touch LCD-Display
Lingua del menu Inglese Inglese Inglese
Tempo (schermo) Sì - non corretto
Visualizzazione della temperatura esterna
Visualizzazione della temperatura interna
Allarme Non funziona
Precisione dei dati
Funzionalità
Facilità d’uso
Portata
Sigillo di prova: Hama Stazione meteo EWS-3200, Valutazione 1.3
Qui potete trovare il rapporto di prova
Sigillo di prova: BALDR Stazione meteo, Valutazione 1.45
Qui potete trovare il rapporto di prova
Sigillo di prova: FanJu FJ3365W Stazione meteo, Valutazione 2.9
Qui potete trovare il rapporto di prova
mostra tutte le offerte mostra tutte le offerte mostra tutte le offerte

*Tutti i prezzi includono l'IVA. Eventuali costi di spedizione aggiuntivi. Verificare la disponibilità presso il rivenditore online. Sono possibili variazioni di prezzo successive all'ultimo aggiornamento.

Il nostro vincitore del test

La EWS-3200 di Hama convince in tutti i settori. Il dispositivo è facile da usare e ha molte funzioni diverse. Il display si legge ottimamente da brevi e lunghe distanze. La trasmissione via radio funziona senza intoppi e i dati vengono visualizzati correttamente e aggiornati regolarmente.

  • Affinché i dati misurati siano visualizzati correttamente, è necessario dare all'apparecchio un po' di tempo per assestarsi.
  • Provare a posizionare il sensore al riparo dal vento in modo che i dati siano visualizzati nel modo più accurato possibile e la temperatura visualizzata non sia variabile.
  • Si raccomanda di posizionare il sensore esterno all'ombra.
  • Le pareti coibentate sono particolarmente adatte all'installazione.
  • Affinché la stazione meteo sia sempre visibile, è necessario posizionarla in un punto centrale.
 

Come testiamo su askgeorge.com?

Abbiamo portato tutti gli apparecchi elencati nei nostri locali di prova di Amburgo.

In precedenza, un'ampia ricerca era all'ordine del giorno. Quali test saranno effettuati? Quali sono i fornitori presenti sul mercato? Quali sono i prodotti attuali? Quali sono i criteri di confronto?

Qui viene definita e documentata la procedura di prova. Ogni singolo apparecchio viene sottoposto al test prescritto. Tutto viene registrato con foto e video. Ogni proprietà e ogni risultato è documentato.

Segue poi la valutazione in diverse categorie e il punteggio finale viene calcolato obiettivamente.

Sulla base dei punteggi dei test e del nostro confronto dei prezzi troverete il vincitore del vostro test.

In preparazione del test abbiamo definito delle esigenze pratiche e stabilito i seguenti criteri:

  • maneggevolezza
  • precisione dei dati
  • portata
  • gamma di funzioni


Per valutare questi criteri, abbiamo definito diversi test per le stazioni meteo. Abbiamo montato e messo in funzione le stazioni meteo. Abbiamo controllato se la data e l'ora si impostano automaticamente via radio. Abbiamo verificato anche tutte le altre indicazioni di dati e le ulteriori funzioni. Per misurare la temperatura e l'umidità, i sensori degli apparecchi sono stati posti in interni, all'aperto e - nel test di resistenza - in una borsa frigo. Per verificare la precisione delle misurazioni della temperatura, abbiamo usato un termometro indipendente. Inoltre è stata verificata la distanza massima a cui il sensore raggiunge la stazione base.
Durante tutti i test viene verificata la facilità d'uso, la chiarezza del menu e del display e la maneggevolezza.

Per escludere errori e simulare l'uso quotidiano, ogni processo viene realizzato in più passaggi.

Ai diversi criteri del test sono attribuite diverse percentuali, a seconda dell'importanza. Il voto finale viene calcolato in maniera oggettiva attraverso un algoritmo.

Scelta dei prodotti

Effettuiamo la scelta dei prodotti osservando il mercato. A prodotti popolari affianchiamo prodotti meno noti. Criteri come il prezzo e la gamma di funzioni rappresentano un fattore importante. Il campo di prova viene determinato anche attraverso l'analisi di recensioni degli acquirenti e di test esterni (ad esempio Fondazione Warentest).

I prodotti vengono acquistati in forma anonima o messi a disposizione dal produttore. I rivenditori o i produttori non influenzano in nessun modo lo svolgimento dei test e la valutazione.

Non appena escono sul mercato nuovi prodotti di rilievo, questi vengono sottoposti agli stessi test dei vecchi prodotti.

Una stazione meteo serve per la raccolta dei dati meteorologici giornalieri attuali. È costituita da diversi strumenti di misurazione meteorologici, che forniscono i dati ad un orario fisso. I dispositivi di misurazione comprendono: il termometro per la misurazione della temperatura esterna, l'igrometro che fornisce i dati sull'umidità, un barometro che misura la pressione atmosferica, nonché il pluviometro e l'anemometro per il vento.

La EW-3200 di Hama
La stazione meteo di Hama in azione

Inoltre, viene fatta una distinzione tra stazioni meteo analogiche e digitali. Le stazioni meteo analogiche sono piccole cassette di legno o di plastica che eseguono misurazioni meteorologiche a intervalli fissi. I dati meteorologici devono essere letti via via. Con le stazioni meteo digitali, i dati vengono raccolti e trasmessi via cavo o via radio in tempo reale. Le stazioni meteorologiche sono di solito utilizzate per le misurazioni e le previsioni meteorologiche nazionali. Anche i privati utilizzano le stazioni meteo per fare autonomamente le previsioni del tempo.

Una stazione meteo è costituita da diversi strumenti di misurazione che forniscono dati meteorologici per ulteriori analisi. Per la misurazione delle condizioni atmosferiche vengono utilizzati i seguenti cinque strumenti:

1. Il termometro

I termometri misurano le temperature in un ambiente specifico. Nella moderna tecnologia di misurazione, la temperatura viene misurata per mezzo di una tensione elettrica. La resistenza elettrica nel filo del termometro viene confrontata con la temperatura ambiente. Il risultato della misurazione dipende da due fattori: da un lato, il materiale all'interno del termometro. È stato dimostrato che i fili di platino hanno le migliori proprietà di misurazione. In secondo luogo, il diametro dell'elemento di misurazione. Queste due componenti rendono possibile la condizione ottimale. In questo modo la resistenza misurata e la temperatura si comportano linearmente l'una rispetto all'altra. Questo metodo è considerato quello più accurato per misurare le temperature.

Il sensore della stazione meteo SKEY in un freezer
Il sensore di SKEY nella prova a freddo.

Il tipo di termometro più noto misura le temperature utilizzando il sensore di resistenza a filo freddo. I termometri ospedalieri disponibili in commercio, ad esempio, sono di questo tipo.

Un altro tipo di misurazione della temperatura viene effettuata con una coppia termoelettrica. Con le termocoppie, la misurazione avviene attraverso due diversi fili metallici, che vengono collegati tra loro nel punto di misurazione previsto e quindi sottoposti a tensione elettrica. La temperatura nel punto di misurazione del termometro può essere letta e confrontata con la temperatura di riferimento nota. La diversa tensione dei due pezzi metallici permette di registrare l'esatta temperatura del punto di misurazione.

2. L'igrometro

L'igrometro misura l'umidità dell'ambiente circostante. Il principio di misura di un igrometro si basa sulla funzione della capacità elettrica. Il sensore di misurazione è noto anche come substrato. Nella maggior parte dei casi è costituito da vetro, ceramica o plastica. Il substrato viene applicato come un sottile strato tra il catodo e l'anodo e, a seconda del livello di umidità, assorbe il vapore acqueo o emette vapore. In caso di variazione dell'umidità, il sensore regola e misura immediatamente la capacità elettrica modificata e la converte immediatamente.

L'igrometro a capello è uno degli strumenti di misurazione più conosciuti. Il dispositivo determina l'umidità dell'aria con l'aiuto di un capello. I capelli si espandono a seconda dell'umidità. Oltre a capelli umani o peli animali, vengono spesso utilizzate anche fibre sintetiche. Le fibre hanno un coefficiente di espansione simile a quello dei capelli umani e sono quindi particolarmente adatte a determinare l'umidità.

L'attuale umidità dell'aria può essere facilmente visualizzata. A questo scopo, il capello dell'igrometro è collegato con un puntatore a leva. In questo modo, le variazioni di umidità vengono immediatamente visualizzate su una scala.

3. Il barometro

Un barometro misura la pressione atmosferica. Il barometro olosterico si è spesso affermato negli ultimi anni nella misurazione della pressione atmosferica. Il processo di misurazione del barometro si spiega con la funzione di un barattolo , in cui prevale una pressione negativa, che cambia sempre più intensamente quanto varia la pressione atmosferica. In questo modo il barattolo si espande con il diminuire della pressione e si comprime con l'aumentare della pressione atmosferica. Le variazioni misurabili della pressione atmosferica vengono trasferite ad una lancetta e possono essere lette sulla scala graduata.

Per le misurazioni ufficiali, invece, si utilizza la variante della misurazione della capacità elettrica. Un piccolo sensore determina ogni variazione della pressione atmosferica. Il sensore reagisce già ai minimi cambiamenti; la pelle della membrana, che è coperta alle sue estremità con minuscoli elettrodi, si flette. Mentre la membrana si piega, si sviluppa uno spazio che riduce la distanza tra gli elettrodi sulla pelle della membrana. Questo si traduce in una variazione misurabile, dal cui valore i meteorologi possono calcolare la pressione atmosferica.

4. Il pluviometro

I pluviometri determinano la quantità di pioggia. Spesso le stazioni meteorologiche utilizzano ancora l'antica altalena della pioggia bilanciata. L'altalena è conosciuta anche come pluviometro. Ha diversi scomparti, disposti a diverse altezze una sopra l'altro. Le vaschette si riempiono di acqua piovana. Se la quantità di precipitazioni supera un certo peso, la bilancia inclina la vaschetta verso il basso e l'acqua piovana si riversa nello scomparto successivo. Questo processo si ripete. Le precipitazioni possono essere aggiunte dal numero di movimenti di inclinazione e dal peso delle vaschette dell'acqua.

Gli apparecchi più recenti, invece, misurano direttamente la quantità di precipitazioni in un'unico grande scomparto e aggiungono le somme. Uno di questi misuratori di precipitazioni è il pluviometro Hellmann. La pioggia cade attraverso un'apertura in un contenitore metallico supplementare con un recipiente di raccolta. Per misurare le precipitazioni, l'acqua piovana contenuta nel recipiente viene trasferita in un contenitore di misurazione e, in seguito, ne viene letto il valore.

5. La misurazione del vento

Gli strumenti di misurazione del vento, o anemometri, determinano le condizioni correnti del vento. Ci sono tre tipi noti di rilevatori. Un anemometro utile è l'anemometro a coppette. Questa misurazione funziona attraverso tre gusci semicircolari, che mostrano la misurazione della velocità del vento alla stessa distanza l'uno dall'altro. Inoltre, c'è una banderuola sull'anemometro che indica la direzione del vento. Tuttavia, la coppetta ha uno svantaggio rispetto ad altri apparecchi. A causa della sua inerzia, continua a ruotare dopo l'impulso del vento, anche se il vento si è già calmato.

L'anemometro ad elica è l'altra variante. Ha una banderuola integrata e può determinare simultaneamente la velocità e la direzione del vento. Poiché la banderuola punta sempre nella direzione da cui proviene il vento, l'elica è sempre posizionata controvento e può quindi misurare facilmente la velocità massima del vento. La velocità del flusso d'aria viene quindi calcolata in base al rapporto tra i giri dell'elica. Tuttavia, vi sono anche differenze di misurazione dovute alla natura delle apparecchiature.

Al giorno d'oggi gli anemometri ad ultrasuoni sono quelli usati più frequentemente per misurare il vento. Il principio di misurazione funziona come segue: due impulsi sonori viaggiano avanti e indietro tra piccoli sensori. La velocità del vento viene così calcolata dalla distanza del sensore e dal tempo di transito degli impulsi. La direzione del vento viene calcolata attraverso la posizione dell'asse dei due sensori. La caratteristica speciale della misurazione ad ultrasuoni, rispetto agli altri due metodi, è il tempo di reazione dell'apparecchio, significativamente più veloce.

Tutti gli strumenti di misurazione meteorologica descritti sono idealmente montati in una cabina meteorologica. La cabina deve, quindi, essere collocata nelle immediate vicinanze di un prato. Il Servizio Meteorologico Tedesco (DWD) ha raccolto alcuni suggerimenti per l'installazione di una stazione meteorologica al fine di consentire risultati di misurazione non alterati che possono essere confrontati con altre stazioni meteo:

L'EW-3200 di Hama
La stazione meteo di Hama testata su uno dei nostri davanzali delle finestre in ufficio.

  • Misurazione delle precipitazioni: 1 metro sopra il livello del suolo.
  • Temperatura dell'aria: 2 metri dal suolo.
  • Misurazione dell'umidità: 2 metri dal suolo.
  • Misurazione del vento: 10 metri dal suolo.
  • Posizione libera della stazione meteo - non ci dovrebbero essere ostacoli come edifici o alberi nelle vicinanze di 10 metri.

La rilevazione del tempo atmosferico risale al 1881. Alla fine del XIX secolo, tuttavia, non esisteva un servizio meteorologico statale. Nei monasteri e nelle chiese, gli ecclesiastici sono sempre stati interessati all'interazione tra uomo e natura, così le istituzioni spirituali sono state incaricate di effettuare misurazioni meteorologiche regolari e di documentare i dati ottenuti. Tuttavia, la storia della misurazione del tempo atmosferico è molto più antica. Risale addirittura al Medioevo. È risaputo inoltre che noti ricercatori come Galileo Galilei stavano già conducendo ricerche sul meteo e che costruirono i loro primi strumenti di misurazione.

In Germania, è stata fondata una società meteorologica molti anni prima dell'inizio della rilevazione del tempo atmosferico. A partire dal 1780 gli scienziati di Mannheim hanno effettuato misurazioni meteorologiche in varie località della Germania. Determinavano le tempistiche esatte in cui venivano effettuate le misurazioni. Documentarono i dati meteorologici tre volte al giorno - alle 7 del mattino, alle 14.00 e alle 21.00. Molti anni dopo, questi documenti sono serviti come base per lo sviluppo delle mappe meteorologiche e delle attuali zone climatiche sulla terra. A proposito, queste tre ore di misurazione sono ancora oggi note. Nei circoli meteorologici si parla delle "ore di Mannheim".

I sensori delle stazioni meteo in un freezer
I sensori possono anche misurare temperature sotto zero.

Lo sviluppo della tecnica di trasmissione radio Morse ha giocato un ruolo importante nell'ulteriore sviluppo della ricerca meteorologica. I valori misurati non erano più scambiati dai corrieri postali tra le singole stazioni meteorologiche, ma potevano essere telegrafati presso una stazione meteorologica centrale. Grazie a questa tecnologia è stato possibile valutare più rapidamente i dati meteorologici e fare previsioni sulla situazione meteorologica in altre parti della Germania o addirittura in Europa. Si tratta di un enorme progresso scientifico, che ha portato i politici e gli alti ufficiali militari a riconoscere i vantaggi della registrazione del tempo atmosferico. Le condizioni meteorologiche svolgevano un ruolo decisivo anche nei conflitti armati. Si volle sfruttare questo vantaggio e così, in Germania, si arrivò allo sviluppo delle prime carte meteorologiche.

Oggi, i dati meteorologici degli ultimi decenni svolgono un ruolo molto più importante nel campo della ricerca sul clima. Grazie al materiale dei dati, gli esperti sono in grado di rilasciare dichiarazioni mirate sui cambiamenti climatici. In base alle statistiche, è possibile valutare con precisione l'evoluzione del tempo nei 16 Stati federali tedeschi dal 1880 ad oggi. Ora sappiamo che le temperature in Germania tendono ad aumentare dal 1881. È stato dimostrato che le temperature sono già mediamente superiori di un grado rispetto a quel dato di allora. Ciò significa che i cambiamenti climatici possono essere chiaramente comprovati scientificamente dai dati delle rilevazioni meteorologiche.

Oggi per l'acquisto di una stazione meteo c'è un'ampia scelta e una varietà di apparecchiature. La decisione spesso non è facile. Pertanto, prima di acquistarla, si dovrebbero avere le idee chiare sullo scopo a cui servirà in futuro una stazione meteo. Si desidera una stazione meteo con illuminazione e display a colori o una stazione in grado di fornire contemporaneamente una previsione meteo? Di seguito sono elencati diversi modelli delle stazioni meteo in commercio:

[img file="bevande" | product="ci" | alt="Il sensore della stazione meteo CSL in una ghiacciaia" | "Il sensore del CSL in un test a freddo" | class="right"]

  • Con temperatura esterna
  • Con illuminazione
  • Con dati
  • Stazione meteo wireless
  • Con radiosveglia
  • Con indicazione della temperatura interna
  • Con Internet
  • Con indicazione delle fasi lunari
  • Con umidità
  • Con indicazione della pressione atmosferica
  • Con interfaccia PC
  • Con funzionamento solare
  • Con il supporto di SAT
  • Con pluviometro
  • Con andamento della temperatura
  • Con porta USB
  • Con WLAN
  • Con anemometro
  • Con previsioni meteo e molto altro ancora.

La storia della "rana meteo" si tramanda da molto tempo! Ma cosa si nasconde dietro al mito e da dove vengono le leggende e i relativi disegni? La raganella è stata a lungo considerata un vero esperto del meteo in Germania. Secondo la tradizione, l'animale stava in un grande barattolo per conserve e, a seconda delle condizioni atmosferiche, avrebbe salito o disceso una piccola scala. Queste arrampicate avrebbero dovuto dare alle persone un'idea del tempo che le aspettava. Ma non è stata solo la sua passione per l'arrampicata a servirci per le previsioni del tempo. Anche le variazioni del colore della pelle, il gracchiare e la deposizione delle uova sono considerati, secondo la leggenda, come indicazioni dell'avvicinarsi del sole o delle precipitazioni. Ma il mito è mai stato scientificamente studiato o addirittura dimostrato?

Le scienze naturali hanno da tempo osservato il comportamento di varie specie di anfibi nelle regioni tropicali del nostro pianeta. Hanno scoperto che, ad esempio, le rane sono molto più attive poco prima dell'inizio della pioggia ed esprimono il loro stato d'animo cambiando il tono della voce. Inoltre, i piccoli animali strisciano fuori dai loro nascondigli nel boschetto. Si nota anche che le specie tropicali di rane e rospi depongono le uova solo in pozzanghere o grandi pozze. I girini hanno bisogno di un ambiente umido per svilupparsi con successo. Apparentemente gli anfibi sanno esattamente quando è il momento migliore per la riproduzione e quando le piogge stanno per offrire luoghi adatti alla deposizione delle uova.

Ma il cambiamento nel comportamento degli animali è davvero dovuto al tempo? Possono percepire davvero così chiaramente i cambiamenti? Biologicamente, rospi e rane devono poter contare sul loro istinto. Questo è dovuto al fatto che gli anfibi sono eterotermi. Ciò significa che gli animali non hanno una funzione corporea in grado di regolare autonomamente la loro temperatura. Per questo motivo, il sangue, gli organi e tutti i muscoli degli anfibi hanno la stessa temperatura dell'ambiente in cui vivono. Questo miracolo della natura è regolato dalla particolare struttura cutanea degli animali, che è attraversata da molte piccole ghiandole e reagisce, quindi, molto sensibilmente alle differenze di temperatura. Rane e rospi secernono il fluido corporeo attraverso le ghiandole cutanee, che evapora allo stesso tempo. In questa sorprendente funzione del corpo degli anfibi risiede la ragione per cui essi possono percepire le differenze di umidità meglio di noi umani.

Ma come reagiscono le raganelle nostrane ai cambiamenti del meteo? Perché si arrampicano su alberi e cespugli quando fa caldo e c'è il sole e invece rimangono a terra nell'erba umida quando si avvicina la pioggia? I ricercatori sospettano due ragioni per il comportamento di questi animali: rispetto a rane e rospi tropicali, la raganella europea ama arrampicarsi e le piace l'ambiente soleggiato e caldo. Alla fine dell'estate non è raro vedere giovani raganelle maschio su rami sottili o foglie che prendono il sole. Tuttavia, anche la ricerca del cibo gioca un ruolo decisivo. Questo perché anche le raganelle si arrampicano per trovare il cibo. Gli insetti sono la base della loro alimentazione. E queste creature, a loro volta, reagiscono intensamente anche ai cambiamenti del meteo. Gli insetti volano più in alto con tempo soleggiato e con poco vento. Nelle giornate fresche e ventose invece le zanzare tendono a rimanere a terra. Un fenomeno interessante!

Vincitore Miglior rapporto prestazioni/prezzo
Il nostro vincitore del test: Hama Stazione meteo EWS-3200 BALDR Stazione meteo FanJu FJ3365W Stazione meteo

Hama

Stazione meteo EWS-3200

BALDR

Stazione meteo

FanJu

FJ3365W Stazione meteo
mostra tutte le offerte mostra tutte le offerte mostra tutte le offerte

*Tutti i prezzi includono l'IVA. Eventuali costi di spedizione aggiuntivi. Verificare la disponibilità presso il rivenditore online. Sono possibili variazioni di prezzo successive all'ultimo aggiornamento.

Valuta questo test