Set per produrre birra artigianale

L'ultimo test del set di produzione della birra 2019: clicca qui per il rapporto dettagliato con foto, video e punteggi dei test.

Chi non ha sognato di produrre la propria birra? Ora il sogno può essere realizzato nella vostra cucina in modo molto semplice. Con il set, la produzione della birra è un gioco da ragazzi. Abbiamo trasformato per voi il nostro ufficio in una piccola fabbrica di birra e abbiamo verificato se è davvero così facile farla.

Sono stati testati 5 set di birra e abbiamo prestato particolare attenzione alla preparazione e al gusto. Il nostro vincitore del test è il fusto di birra Braukönig®: il set consente una facile preparazione e garantisce un buon risultato. Il nostro preferito con un punteggio di 8,3/10!

Ultimo aggiornamento al: 18.07.2019, 18:03

Prodotti testati

BRAUKÖNIG Set per produrre birra artigianale - thumbnail Sigillo di prova: BRAUKÖNIG Set per produrre birra artigianale, Valutazione buono

BRAUKÖNIG

Set per produrre birra artigianale

Il Produttore di birra di Braukönig è il nostro vincitore del test. Le singole fasi sono spiegate in modo chiaro e semplice nelle istruzioni per l'uso. In particolare, è bello che si possa scegliere quale birra si vuole preparare a seconda del dosaggio del mosto di malto. Il risultato finale è impressionante. Anche se volevamo preparare una Pilsner, e il prodotto finale è più simile alla Weizen, ha chiaramente il gusto migliore rispetto alle altre birre che produciamo. Questo è fortemente condizionato dall'anidride carbonica, che conferisce una piacevole sensazione pungente. Anche la corona di schiuma è impressionante. Devo confessare che sono positivamente sorpreso dal prodotto finale. Tuttavia, preferirei una birra del supermercato.

Qui potete trovare il rapporto di prova
Braubox tipo chiara - thumbnail Sigillo di prova: Braubox tipo chiara, Valutazione buono

Braubox

tipo chiara

Il Set di produzione della birra - Tipo chiara di Besserbrauer inizialmente ha dato la migliore impressione. Gli accessori inclusi nella fornitura danno un'impressione qualitativamente buona. Sono rimasto positivamente impressionato anche dagli ingredienti inclusi. Con gli altri set di produzione della birra, uno dei processi elementari di produzione della birra, come l'ammostatura e la raffinazione, veniva anticipato. Qui si diventa davvero mastro birraio. Questo conferisce serietà all'arte della produzione della birra e dà l'impressione di fabbricare la propria birra. Il processo richiede quindi più tempo. Ai miei occhi, ho investito bene il mio tempo. Purtroppo, le elevate aspettative del prodotto finale non sono state completamente soddisfatte. La birra che produciamo sa di birra, ma non di quella leggera. La quantità di anidride carbonica è un po' troppo poca. La deposizione di lievito sul fondo della bottiglia è evidente, in quanto in realtà si riscontra solo nelle birre a bassa fermentazione. Tutto sommato un bel regalo per sperimentare la produzione della birra la prima volta. È un ottimo modo per avere un assaggio in più.

Qui potete trovare il rapporto di prova
Braufässchen Set per la produzione di birra in proprio - thumbnail Sigillo di prova: Braufässchen Set per la produzione di birra in proprio, Valutazione soddisfacente

Braufässchen

Set per la produzione di birra in proprio

Il Set di produzione della birra-Birra chiara è un regalo divertente e fresco per chi vuole fare le prime esperienze di produzione della birra. Il processo di produzione della birra è ben spiegato nelle istruzioni ed è facile da seguire. Tuttavia, i processi essenziali di produzione della birra sono già previsti. Il risultato è piuttosto sobrio, in quanto il prodotto finale appare esteticamente accattivante, ma il gusto lascia molto a desiderare perché spicca l'impressionante nota di banana. Come con l'altra serie di fusti per la birra, la birra purtroppo non ha quasi nessun acido carbonico. La birra è comunque piacevole. Personalmente, il set per la produzione di birra mi ha solo spinto ancora di più a voler produrre la mia vera birra.

Qui potete trovare il rapporto di prova
Braufässchen Set per birra da produzione propria - thumbnail Sigillo di prova: Braufässchen Set per birra da produzione propria, Valutazione soddisfacente

Braufässchen

Set per birra da produzione propria

Il Set per produzione della birra-Scura con legno di quercia & miele è un regalo divertente e fresco per coloro che vogliono fare la loro prima esperienza nella produzione della birra. Il processo di produzione della birra è ben spiegato nelle istruzioni ed è facile da seguire. Sfortunatamente, l'intero processo non ha molto a che fare con la vera birra. I processi essenziali sono già previsti in questo caso. Il risultato è piuttosto sobrio, poiché il prodotto finale non è commestibile e manca l'acido carbonico. Personalmente, il set per la produzione della birra mi ha spinto ancora di più a produrre la mia vera birra. Se anche voi volete preparare la vostra birra e gustarla, in questo caso posso consigliarvi di non comprarla.

Qui potete trovare il rapporto di prova
Bier Kwik Il set per la produzione domestica di birra - thumbnail Sigillo di prova: Bier Kwik Il set per la produzione domestica di birra, Valutazione soddisfacente

Bier Kwik

Il set per la produzione domestica di birra

Il Set di produzione della birra fatta in casa di Bier Kwik è facile da usare. I singoli passaggi sono ben descritti nel manuale di istruzioni. Le istruzioni contengono diverse ricette per i diversi tipi di birra. Così sei libero di scegliere quale birra vuoi preparare. Purtroppo, il prodotto finale non ha avuto l'effetto desiderato ed è più simile ad un sidro che ad una birra. Puoi vedere l'anidride carbonica scomparire. Purtroppo non si è formata abbastanza corona di schiuma. Tutto sommato un regalo divertente, ma con un risultato che non può soddisfare un amante della birra.

Qui potete trovare il rapporto di prova
Vincitore
Il nostro vincitore del test: BRAUKÖNIG Set per produrre birra artigianale Braubox tipo chiara Braufässchen Set per la produzione di birra in proprio Braufässchen Set per birra da produzione propria Bier Kwik Il set per la produzione domestica di birra

BRAUKÖNIG

Set per produrre birra artigianale

Braubox

tipo chiara

Braufässchen

Set per la produzione di birra in proprio

Braufässchen

Set per birra da produzione propria

Bier Kwik

Il set per la produzione domestica di birra
Vantaggi
  • Il tipo di birra può essere selezionato dall'utente
  • Buon contenuto di acido carbonico
  • Corona di schiuma gradevole
  • Sa di birra
  • Materiali con una buona qualità di lavorazione
  • I processi essenziali di produzione della birra sono fatti da sé
  • Facile da usare
  • Regalo cool
  • Regalo divertente
  • Facile da usare
  • Il tipo di birra può essere selezionato dall'utente
  • Preparazione semplice
  • Regalo divertente
Svantaggi
  • Fermentatore in plastica
  • Non ha il sapore di una Pils
  • Deposito di lievito
  • Non sa di birra chiara
  • Poco acido carbonico
  • Assenza di acido carbonico
  • Non sa di birra
  • L'anidride carbonica evapora rapidamente
  • Non sa di birra
  • Nessuna corona di schiuma accettabile
Riassunto

Facile da preparare con un risultato di tutto rispetto.

Qui ci si sente come un vero mastro birraio. Il prodotto finale fa venire ancora più sete.

La preparazione è semplice e veloce, ma ha poco a che fare con il processo di produzione della birra.

Super facile da usare. Tuttavia, il prodotto finale lascia molto a desiderare.

La preparazione è semplice e divertente. Il risultato finale, tuttavia, è piuttosto spiacevole.

Fornitura in dotazione Contenitore di fermentazione in plastica, tubo di fermentazione, tappo di gomma mosto di birra, lievito, istruzioni per l'uso Bottiglia di fermentazione, miscela di malto, pompa della birra, luppolo, lievito di birra, depuratore, dosatore Fusto da 5 litri, estratto di malto, lievito, estratto di luppolo, valvola a pressione Fusto da 5 litri, estratto di malto, lievito, estratto di luppolo, valvola a pressione, 3 sottobicchieri per birra Secchio da 10 litri con coperchio, mosto di birra concentrato, lievito di birra, spina
Imballaggio Gradevole Gradevole, semplice Gradevole Gradevole 10 litri al secchio
Garanzia supplementare - - - - -
Qualità del manuale d'istruzione Molto buona Molto buona Molto buona Buona Molto buona
Lingua del manuale d'istruzione DE DE DE, EN DE DE
Larghezza 12,0 cm 17,5 cm 15,7 cm 15,7 cm 28,5 cm
Impressione sulla qualità Soddisfacente Molto buona Molto buona Buona Soddisfacente
Altezza 26,5 cm 36,0 cm 24,7 cm 24,2 cm 26,0 cm
Profondità 12,0 cm 17,5 cm 15,7 cm 15,7 cm 28,5 cm
Peso 815 g 2705 g 1239 g 1435 g 1807 g
Capacità in litri 5 4 5 5 1
Materiale del recipiente di fermentazione Plastica Vetro Metallo Metallo Plastica
Tipo di birra Pils Chiara Chiara Scura con legno di quercia & miele Stile di produzione della birra Kölsche
Avvicinamento della birra 1 1 1 1 A seconda del dosaggio
Spina - -
Ingredienti Lievito secco di birra, concentrato di mosto di birra Luppolo, malto, lievito, acqua Estratto di malto d'orzo, aroma di luppolo, lievito, acqua Estratto di malto d'orzo, aroma di luppolo, aroma di miele, legno di quercia, lievito, acqua Lievito di birra secco, concentrato di mosto di birra
Gli ingredienti sono sufficienti per 5 l 4 l 5 l 5 l 10 l
Tempo di preparazione 60 minuti 4 ore 45 minuti 45 minuti Ca. 90 min
Gusto
Dotazione di fornitura
Lavorazione
Sigillo di prova: BRAUKÖNIG Set per produrre birra artigianale, Valutazione 2.15
Qui potete trovare il rapporto di prova
Sigillo di prova: Braubox tipo chiara, Valutazione 2.35
Qui potete trovare il rapporto di prova
Sigillo di prova: Braufässchen Set per la produzione di birra in proprio, Valutazione 2.65
Qui potete trovare il rapporto di prova
Sigillo di prova: Braufässchen Set per birra da produzione propria, Valutazione 3.35
Qui potete trovare il rapporto di prova
Sigillo di prova: Bier Kwik Il set per la produzione domestica di birra, Valutazione 3.35
Qui potete trovare il rapporto di prova
mostra tutte le offerte mostra tutte le offerte mostra tutte le offerte mostra tutte le offerte mostra tutte le offerte

*Tutti i prezzi includono l'IVA. Eventuali costi di spedizione aggiuntivi. Verificare la disponibilità presso il rivenditore online. Sono possibili variazioni di prezzo successive all'ultimo aggiornamento.

Il nostro vincitore del test

Il Produttore di birra di Braukönig è il nostro vincitore del test. Le singole fasi sono spiegate in modo chiaro e semplice nelle istruzioni per l'uso. In particolare, è bello che si possa scegliere quale birra si vuole preparare a seconda del dosaggio del mosto di malto. Il risultato finale è impressionante. Anche se volevamo preparare una Pilsner, e il prodotto finale è più simile alla Weizen, ha chiaramente il gusto migliore rispetto alle altre birre che produciamo. Questo è fortemente condizionato dall'anidride carbonica, che conferisce una piacevole sensazione pungente. Anche la corona di schiuma è impressionante. Devo confessare che sono positivamente sorpreso dal prodotto finale. Tuttavia, preferirei una birra del supermercato.

  • Durante la fermentazione, la schiuma di birra può fuoriuscire dalla valvola di sovrappressione. Durante la fermentazione, conservare il fusto ad una distanza adeguata dalle pareti e dagli arredi.
  • Per un ottimo gusto, conservare il fusto in un luogo fresco e in posizione verticale per almeno due ore prima del consumo.
  • Non agitare o muovere eccessivamente la spina.
  • Prima si aggiunge il luppolo, più il sapore della birra diventa amaro. In seguito, l'aroma diventa più intenso.
  • Tutti gli utensili che entrano in contatto con il mosto di malto devono essere sterili!
  • Godetevi la birra con gli amici!
 

Come testiamo su askgeorge.com?

Abbiamo portato tutti gli apparecchi elencati nei nostri locali di prova di Amburgo.

In precedenza, un'ampia ricerca era all'ordine del giorno. Quali test saranno effettuati? Quali sono i fornitori presenti sul mercato? Quali sono i prodotti attuali? Quali sono i criteri di confronto?

Qui viene definita e documentata la procedura di prova. Ogni singolo apparecchio viene sottoposto al test prescritto. Tutto viene registrato con foto e video. Ogni proprietà e ogni risultato è documentato.

Segue poi la valutazione in diverse categorie e il punteggio finale viene calcolato obiettivamente.

Sulla base dei punteggi dei test e del nostro confronto dei prezzi troverete il vincitore del vostro test.

In Germania, è legalmente consentito produrre 200 litri di birra all'anno per nucleo familiare esente da imposte, ma deve essere dichiarato al rispettivo ufficio doganale. Il grande vantaggio è che la procedura è relativamente semplice e non sono necessarie conoscenze pregresse in questo settore.
I set per la produzione di birra sono disponibili sia per i principianti che per i professionisti. Si distingue tra due tipi di produzione di birra: la produzione di estratti e la produzione di mosto.

Il mosto di birra può iniziare.
Prima un piccolo campione di odori.

L'Estratto di birra

La preparazione dell'estratto è particolarmente adatta ai principianti. Il tipico set per la produzione di birra è costituito da un fermentatore con coperchio e spina. Gli ingredienti forniti sono l'estratto di malto, che di solito contiene già la giusta quantità di luppolo, e il lievito. L'estratto è disponibile sia in polvere che in sciroppo liquido. Il liquido è leggermente più basso, ma gli estratti in polvere sono più facili da dosare. Per una corretta esecuzione del processo di produzione della birra, il set comprende sempre istruzioni dettagliate e ricette di birra. Per le combinazioni più grandi, sono incluse anche le etichette delle bottiglie e il materiale per la pulizia.
Nonostante la semplicità dei set per la produzione di estratti di birra, è necessario dedicare tempo sufficiente al completamento della produzione. Particolare attenzione deve essere prestata alla pulizia dei singoli utensili. Un lavoro poco igienico porta spesso ad un cattivo gusto della birra finita.

Produzione del mosto

Il mosto.
Il malto si dovrebbe distribuire bene.

Anche se è stata prodotta una bevanda aromatica di alta qualità, non può essere paragonata ad una birra prodotta con il processo di produzione del mosto. Questo metodo è più particolare, ma adatto anche ai principianti.
Il set per la produzione della birra comprende molti altri accessori, poiché quasi tutti i processi sono eseguiti dal birraio stesso. È proprio questo che risveglia la passione dei birrai amatoriali, che sono a diretto contatto con le materie prime. Non viene fornita alcuna miscela di estratti pronti all'uso, ma pellet di luppolo, lievito secco e malto. Quest'ultimo deve essere macinato in un mulino per il malto.

La depurazione
Ora il malto è separato dal mosto.

Inoltre, il set comprende lo iodio di birra, che viene utilizzato durante il test. Si controlla se tutto l'amido di cereali è stato trasformato in zucchero e se il processo di ammostatura ha avuto successo.
Tra gli utensili aggiuntivi vi sono un fermentatore, tubi di fermentazione e di imbottigliamento, un sacchetto di mosto, un distanziatore per il sacchetto del mosto, il detergente e sterilizzante, che non devono essere trascurati.

Produzione di birra automatica

Depurazione.
Lascia che tutto lo zucchero si separi dal malto.

Chiunque abbia già prodotto con successo la birra utilizzando il processo di produzione del mosto e stia cercando un altro metodo dovrebbe acquistare un set di produzione della birra semiautomatico o completamente automatico.
Il vantaggio è che l'intero processo di produzione della birra si svolge solitamente in un unico apparecchio, risparmiando tempo e spazio.

Origine nella Mesopotamia meridionale

Più di 6000 anni fa i vecchi sumeri vivevano tra l'Eufrate e il Tigri. La prima birra era già menzionata nelle scritture cuneiformi e nei disegni. Si può supporre che sia stato scoperto per caso - attraverso la pasta del pane fermentato, che veniva trasformato dal lievito in modo da produrre una bevanda alcolica. Nel corso del tempo divenne una pratica dei riti sacrificali agli dei.

Travaso della birra giovane.
Travaso della birra giovane dal fermentatore alle bottiglie con tappo a battente.

Le prime istruzioni per la produzione di birra

Le testimonianze scritte possono essere datate intorno al 2000 a.C. circa. Sono state documentate ricette sulla birra per grandi quantità, il che porta alla conclusione che la birra veniva prodotta per la popolazione e non solo per dei e re.
I mastri birrai dell'epoca ricevevano il loro frumento dallo stato e dovevano rendicontare esattamente la loro produzione. C'erano già una dozzina di tipi diversi di birra.

La produzione di birra in relazione allo sviluppo culturale umano

Prova del gusto.
Prova del gusto.

Nella prima grande opera della letteratura mondiale - l'epopea di Gilgamesh - è stata scritta la storia dell'Incarnazione. Il ruolo decisivo che la birra e il pane hanno avuto nello sviluppo dall'uomo preistorico all'uomo civile, verrà chiarita di seguito.

Aumento del consumo di birra a Babilonia

Nel secondo millennio a.C. la birra di Babilonia conobbe un vero e proprio boom. Sono stati prodotti ed esportati venti tipi diversi di birra fino all'Egitto. Non essendoci ancora possibilità di filtraggio, la birra veniva bevuta con una specie di cannuccia per non bere i componenti solidi non commestibili.
Il grado di correlazione tra il consumo di birra e la rispettiva posizione sociale si può desumere dalle istruzioni dell'epoca. La quantità di acqua potabile veniva regolata in base alla posizione. Ad esempio, i lavoratori ricevevano solo due litri di birra al giorno, gli amministratori provinciali cinque.

La birra come bevanda base

Greci e Romani inizialmente rifiutarono completamente la birra. Per loro era l'imitazione del vino a buon mercato o anche l'acqua sporca che solo i barbari bevevano. A partire dal V secolo dopo Cristo il vino era ancora considerato migliore, ma la birra ha lentamente trovato la sua strada nei monasteri.
Le tribù più settentrionali, come i Celti, si concentrarono molto prima sulla produzione di birra, poiché l'approvvigionamento di vino proveniente dal Mediterraneo era spesso semplicemente troppo costoso per loro.

L'origine della birra monaca

Durante i lunghi periodi di digiuno i monaci potevano bere birra perché era qualcosa di liquido e quindi non era contro le regole del digiuno. Nei monasteri c'è stato quindi un grande progresso nell'arte della birra. Già nel IX secolo la bevanda nutriente era prodotta nel monastero benedettino di Weihenstephan (Baviera).
Molti dipinti e disegni dimostrano che la birra era molto popolare tra i monaci ed anche la più antica rappresentazione di mastro birraio era quella di un monaco. Il loro consumo medio di birra era di cinque litri al giorno. Ogni pellegrino che visitava un monastero veniva rifornito di birra. Nel corso del tempo, questo si è sviluppato nelle società in cui alle persone era permesso di servire birra a scopo commerciale con un permesso.

Tuttavia, i ristoranti borghesi trovarono questo sviluppo un problema per la loro attività. Furono svolte grandi proteste contro le strutture della chiesa. In primo luogo, perché la qualità della birra del monastero era di gran lunga migliore. D'altra parte, i monaci non dovevano pagare le tasse allo Stato con il ricavato della vendita, che di conseguenza subì grandi perdite finanziarie. Fu così che i monasteri smisero di servire il cibo.
Nel 1803 ha avuto luogo la secolarizzazione, durante la quale i beni della chiesa sono stati confiscati dallo Stato. Di conseguenza, ad oggi sono rimaste solo pochi birrifici dei monasteri. Tuttavia, questo ebbe un effetto positivo sulle città, che sono state in grado di ottenere nuovamente maggiori entrate fiscali grazie alla ripresa delle birrerie.

Una birra appena spillata.
Appena spillata ha il gusto migliore.

La rivoluzione industriale

Quando l'industrializzazione è arrivata in Germania, la produzione della birra ha continuato a svilupparsi in modo significativo. Il malto non era più essiccato a fuoco aperto, ma all'aria calda. Le macchine refrigeranti hanno reso possibile la produzione della birra durante tutto l'anno, poiché poteva essere raffreddata anche se all'esterno c'erano temperature calde.
anche la macchina a vapore è stata inventata e utilizzata per la produzione di birra. Tutti questi cambiamenti hanno portato ad un maggior volume di produzione e di migliore qualità.
Un altro passo importante è stato l'utilizzo di lievito puro, il cui utilizzo ha garantito una qualità costante e un buon gusto della birra. Invece, il lievito naturale è sempre costituito da diversi tipi, il che può portare ad un deterioramento più rapido e ad un risultato di produzione incerto.

La produzione della birra oggi

Il risparmio energetico è diventato un tema importante nella produzione della birra. Pertanto, i sistemi di recupero energetico e le celle solari sono sempre più utilizzati. Anche il consumo di acqua dolce è stato ridotto - in passato da dieci litri per un litro di birra a soli 3,5 litri oggi.

Entusiasmo al lavoro.
Siamo sempre lì con tutto il cuore.

Pilsner

Nove birre su dieci servite in Germania sono una Pilsner. Il fatto che potesse diventare così popolare era dovuto principalmente al fatto di essere prodotta in quasi tutte le regioni del paese. Viene spillata e servita in pochi minuti, motivo per cui si può garantire un gusto fresco.
Nel 1842 il mastro birraio Joseph Groll giunse dalla Baviera nella città di Pilsen, che oggi appartiene alla Repubblica Ceca, per produrre la sua birra bavarese. In passato, la birra boema era caduta in discredito a causa della contaminazione che aveva contratto.

Grazie alle eccellenti materie prime della regione e alla moderna tecnologia di produzione della birra, Groll riuscì a produrre un tipo unico nel suo genere. La varietà di orzo Haná e le due varietà di luppolo Žatec e Saaz erano considerate le migliori materie prime per la birra dell'epoca. Anche l'acqua era ideale per la produzione di birra, essendo molto ferruginosa ma povera di zolfo allo stesso tempo. Questi fattori portarono al tipico gusto amaro, con quella nota da fine a forte tipica delle pilsner e un mosto originale tra l'undici e il dodici per cento.

La birra a bassa fermentazione prodotta a basse temperature con un contenuto alcolico di circa il 5% di volume era molto diffusa tra la popolazione. La temperatura ottimale con la quale veniva prodotta la Pilsner era tra i 4-9 gradi Celsius. I sistemi di raffreddamento industriale hanno permesso di aumentare nel tempo la quantità di birra prodotta.

L'espansione della rete ferroviaria portò ben presto alla diffusione internazionale delle Pils giallo oro. Allo stesso tempo, però, gli altri mastri si videro minacciati dalla concorrenza e si cimentarono nella produzione di questo nuovo tipo di birra. Di conseguenza, oggi esistono molti tipi diversi di Pilsner, ognuna con le proprie caratteristiche regionali. Tuttavia, due terzi vengono ancora prodotti secondo il metodo di produzione Pilsen.

A otto gradi Celsius la Pilsner raggiunge la sua temperatura ottimale e può essere bevuta particolarmente bene con pollame, pesce e formaggi - come il formaggio Emmental.

Lager chiara/Export

Sia la Lager che l'Export sono birre a bassa fermentazione. La lager è spesso indicata come "chiara" perché un rapporto equilibrato tra luppolo e malto si traduce in un colore giallo chiaro o giallo dorato.

In passato i mastri birrai spesso perdevano grandi quantità di birra perché venivano attaccati da batteri come i lattobacilli. Per contrastare questo fenomeno venne utilizzato un metodo di produzione a bassa fermentazione che richiedeva temperature basse; questo evitava che le cellule di lievito si combinassero e sprofondassero sul fondo. I microrganismi dannosi, infatti, non possono essere particolarmente attivi a causa dell'ambiente freddo e la birra aumenta complessivamente la lunga conservazione.

Per esportare la bevanda all'estero, la Lager iniziò ad essere prodotta in quantità maggiori. Ciò ha portato all'Export, caratterizzata da una durata di conservazione ancora maggiore e quindi da una migliore trasportabilità. Il contenuto alcolico di 5,6 è leggermente superiore a quello della birra Lager, che è di circa il 5% in volume. Il gusto è più corposo e maltato, con un estratto di malto originale di oltre il 12,5 per cento rispetto alla Lager più dolce con meno del 12 per cento.

Uno dei tipi di birra Lager più conosciuti è la Märzen, o l'Oktoberfest. Questa si sposa particolarmente bene con le specialità culinarie di questa festa popolare: salsiccia di vitello e formaggi dolci. Ma può essere servita anche con insalate e frutti di mare ad una temperatura ottimale di otto gradi Celsius.

Birre chiare di Braufässchen.
Una chiara fresca di Braufässchen.

Lager scura/Export

Al giorno d'oggi, la chiara è molto popolare tra la maggior parte dei bevitori di birra. Fino alla fine del XIX secolo, tuttavia, la birra scura era la birra standard della Baviera, rendendola una delle birre più antiche del mondo.

Per preparare la birra leggera è necessaria l'acqua con un basso grado di durezza. A Monaco di Baviera, tuttavia, era semplicemente troppo difficile da usare, motivo per cui i mastri birrai si sono concentrati sulla produzione della birra scura.

La birra Lager scura acquisisce il suo tipico colore da caramello a marrone scuro dall'intensità del colore del malto utilizzato, che qui rappresenta almeno il 50 per cento. La tostatura avviene a temperature comprese tra i 100 e i 110 gradi Celsius, dove il malto assume il suo colore scuro. Il contenuto originale di mosto di questa birra a bassa fermentazione è compreso tra l'undici e il dodici per cento e il gusto forte e maltato è spesso sottolineato da una nota di caramello, tostatura o cioccolato.

Anche nella variante scura, le esportazioni hanno un estratto originale di mosto di oltre il dodici per cento e, rispetto alla birra lager, un contenuto alcolico leggermente superiore. Questo è compreso tra il 4,6 e il 5,6% in volume per le birre scure. Con una temperatura di consumo di otto gradi Celsius, è particolarmente adatto per piatti salati come salsiccia, arrosto o grigliate.

Weizen di lievito e Weizen cristallo

La Weizen di lievito o birra bianca è sempre stata una delle birre più popolari. Nel 1567, tuttavia, fu bandita dalla casa regnante bavarese. Il motivo fu che avrebbe solo incoraggiato la gente a berla e non avrebbe avuto ulteriore utilità. In realtà, tuttavia, era stato determinato dal divieto di non utilizzare il grano per la produzione di birra, ma solo per la produzione del pane. L'unica eccezione a questa regola fu la dinastia della Bassa Baviera della famiglia Degenberg.

A causa della mancanza di successori, la dinastia bavarese ottenne nel 1602 il privilegio di produrre birra di frumento, così da diventare una fonte di reddito estremamente redditizia.
Tuttavia, la situazione cambiò a metà del XVIII secolo, quando altre birre divennero più alla moda. A causa della mancanza di fatturato, il diritto è stato concesso a tutti i produttori di birra.
La birra ad alta fermentazione con un contenuto minimo del 50% di malto di frumento gode ancora oggi di grande popolarità. Questa viene consumata soprattutto in estate perché l'aroma fruttato e l'alto contenuto di acido carbonico forniscono un rinfresco speciale.

Il grano cristallino è stato prodotto per la prima volta nel 1924. In questo tipo di birra di frumento, le sostanze in sospensione e i lieviti vengono filtrati dopo la fermentazione, ottenendo un colore chiaro.
L'estratto originale di mosto della birra di frumento è compreso tra l'11 e il 14 per cento, per cui alcune birre di frumento forti possono arrivare fino al 20 per cento. Il contenuto alcolico è compreso tra il cinque e il sei percento in volume. Grazie al suo aroma fruttato e rinfrescante, la Weizen può essere facilmente abbinata ad un dessert.

Birra scura

La prima birra scura fu prodotta a Braunschweig già nel 1390. A causa della sua popolarità, nel Medioevo veniva persino esportata via mare in India e nei Caraibi; fino a quando la chiara e la Pils conquistarono il mercato, era una delle birre più prodotte in Germania. Dopo la riunificazione della Germania, tuttavia, la birra scura tornò ad essere popolare, perché gli intenditori di birra cominciarono ad interessarsi soprattutto alle specialità regionali.

Poiché nella sua produzione viene utilizzato il malto scuro tostato e fermentato, questa birra a bassa fermentazione acquisisce il suo tipico colore da marrone scuro a nero. Inoltre, questo conferisce alla birra scura i suoi aromi di malto tostato, a volte molto forti. Si abbina particolarmente bene con carni scure, selvaggina e carni alla griglia - al massimo con una temperatura di otto gradi Celsius. Il mosto originale è di circa l'undici percento e il contenuto alcolico di circa il cinque percento in volume.

Birra Bock e birra Bock doppia

La birra Bock è spesso subito associata alla Baviera. Tuttavia, proviene dalla Germania settentrionale e vi fu prodotta nel 1351 con il nome "Birra Einbecker". Fu ribattezzata birra Bock quando divenne popolare nel sud.

Grazie al suo alto contenuto calorico, questa birra forte era inizialmente molto popolare come sostituto alimentare, soprattutto tra i monaci durante la Quaresima. In seguito fu venduto anche al resto della popolazione.

Ci possono essere grandi differenze di gusto, ma la maggior parte delle birre Bock sono prodotte a bassa fermentazione a base di malto d'orzo. Vengono descritte come cremose, da maltata a dolceamara. Gli aromi della tostatura possono essere presenti anche in questa varietà di birra dal giallo dorato al marrone scuro.

La birra Bock ha una gradazione originale del 16 percento e un contenuto alcolico di almeno il 6,5 percento in volume. Tuttavia, la doppia Bock raggiunge valori ancora più elevati con un volume fino al 12% e un estratto originale di mosto del 18%.

Se la birra Bock non viene consumata durante la Quaresima, i piatti speziati e di selvaggina sono un ottimo accompagnamento. La temperatura ottimale per bere è compresa tra gli otto e i dieci gradi Celsius.

Birre leggere e birre analcoliche

Per coloro che generalmente non bevono alcolici o, ad esempio, non vogliono bere una normale birra dopo lo sport, sono disponibili le varianti analcoliche o le birre leggere. Tuttavia, le proprietà isotoniche e il gusto tipico sono in gran parte mantenuti. Non sono mai del tutto privi di alcool, in quanto serve anche per l'apporto di aromi ed è quindi richiesto in determinate quantità. Fino a un contenuto dello 0,5% in volume, la birra può essere definita "senza alcool".

È stata prodotta per la prima volta nel 1972 nell'ex DDR con il nome AUBI (Birra dell'automobilista) a causa del limite zero per mille, prevalente per gli automobilisti.
Tuttavia, ci sono vari modi per rimuovere l'alcol dalla birra.

In primo luogo, il processo di fermentazione può essere interrotto in anticipo prima che tutto lo zucchero di malto possa essere trasformato dal lievito in alcol. La fermentazione viene rallentata da temperature molto basse oppure avviene a velocità normale e il lievito viene devitalizzato in un pastorizzatore a raffreddamento quando viene raggiunto il valore limite.

Un altro processo è la rettifica sotto vuoto, in cui l'alcool viene fatto evaporare dopo la fermentazione. Il luppolo può quindi svilupparsi particolarmente bene a causa della mancanza di zucchero, motivo per cui si può garantire una degustazione particolarmente intensa.

È anche possibile filtrare l'alcool e l'acqua attraverso una membrana fine. Il liquido perso viene sostituito da acqua pura fino al raggiungimento dello 0,5% in volume. Tuttavia, questa variante viene eseguita solo molto raramente.

I processi moderni di oggi utilizzano varietà di lievito appositamente selezionate. Queste fermano automaticamente la conversione dello zucchero in alcol prima che venga raggiunto il limite dello 0,5% in volume.

Il metodo di produzione delle birre analcoliche e leggere può essere sia a bassa fermentazione che ad alta fermentazione, perché ne esistono molti tipi diversi. Per questo motivo non è possibile raccomandare un piatto tipicamente adatto. Il mosto di malto originale è sempre tra il sette e il dodici per cento.

Questo tipo di birra può essere facilmente bevuta dalle donne in gravidanza. Tuttavia, non è raccomandato per gli alcolisti e i bambini. Il gusto, che è comunque molto simile a quello normale della birra, può portare a voler consumare in futuro una birra sempre più usuale.

Birra affumicata

Fin dall'inizio della storia della produzione della birra, la maggior parte è stata prodotta con il metodo affumicato. Questo perché il processo di essiccazione - del malto - veniva fatto sul fuoco a legna aperto. Il fumo che ne risultava dava al malto un certo mosto che fu poi responsabile del sapore aspro e piccante e della nota affumicata distintiva della birra.

L'industrializzazione ha portato ad un processo più economico in cui il malto può essere essiccato direttamente in aria calda utilizzando speciali riscaldatori. Questa tecnologia si è affermata nel tempo grazie alla sua semplicità di utilizzo e ai costi minori. È stato l'inizio di molti tipi diversi di birra oggi disponibili.

Tuttavia, due birrerie in Franconia hanno continuato la tradizione della loro birra affumicata e ancora oggi il più famoso birrificio di birra affumicata di Bamberga è ancora in piedi.

La birra del colore dal caramello al marrone dorato può essere prodotta sia a fermentazione superiore che inferiore e ha una densità originale dall'undici al quattordici per cento. Il contenuto alcolico della birra affumicata è compreso tra il 4,5 e il 5,5% in volume e può essere consumata preferibilmente con pancetta affumicata, salsiccia tipica della Franconia o carne alla griglia. La temperatura ottimale per bere è di 8-10 gradi Celsius.

Birre torbide naturali

Oltre alla birra affumicata, le birre torbide naturali sono un'altra specialità. Particolarmente nota è la birra Gore a bassa fermentazione e la birra da cantina. Il colore naturalmente delle Zwickel deriva dal fatto che non è filtrato e quindi rimane sospesa e torbida. Queste contengono preziose vitamine, motivo per cui viene spesso commercializzata come una birra sana.

Si tratta di una birra chiara, per lo più a bassa fermentazione, con un sapore spesso molto fruttato che ricorda mele e pere. Viene conservata in un fusto senza tappo (perno di legno), che permette la fuoriuscita dell'acido carbonico. Di conseguenza, non ha una corona di schiuma particolarmente grande quando viene servita.

Rispetto alle Zwickel, la Keller ha una maggiore concentrazione di luppolo. Il luppolo aumenta la durata di conservazione e la birra può essere mantenuta più a lungo. Ciò era particolarmente utile in passato, quando non c'erano sistemi di raffreddamento e la birra doveva essere conservata in cantina.

Entrambi i tipi hanno un contenuto alcolico tra il 4,5 e il 5,5% in volume, mentre la birra Keller ne possiede sempre un po' di più. A causa di una gravità originale del 12-13 per cento, entrambe le birre hanno un gusto molto corposo con un forte aroma di malto, che si gusta al meglio ad una temperatura di otto gradi Celsius.

Porter

Tutte le birre scure hanno la loro origine come Porter. Il nome ha origine londinesi, i Porters, che erano particolarmente affezionati a questa varietà fin dalla fine del XVII secolo. La bevanda ad alto contenuto calorico forniva agli inglesi l'energia necessaria per il loro faticoso lavoro e probabilmente lo rendeva più sopportabile in generale.

A metà del 19° secolo, la Porter si diffuse anche in Germania. Era particolarmente popolare nei lunghi viaggi, in quanto l'alta concentrazione di luppolo la conservava. In questo modo fu possibile anche esportarla verso paesi lontani.

Il sapore della Porter era molto aspro. Responsabile era anche il tipo di lievito, il Brettanomyces, che poteva facilmente contrastare il gusto di birra immagazzinata in botti di legno. Oggi questo viene contrastato in modo mirato e una forte nota di malto domina l'aroma. Il contenuto originale del mosto è alto, dal 16 al 18 per cento.

In termini di gusto, la Porter Stout è considerata quella più forte tra le Porter. Attualmente viene venduta solo come Stout e si caratterizza per il suo aroma estremamente maltato e per il suo colore nero intenso.
Poiché il contenuto alcolico può arrivare fino al nove percento, la Porter è considerata una birra intensa. Il suo colore va dal marrone intenso al nero e può essere bevuta particolarmente bene con il cioccolato fondente e il brasato. Una temperatura di otto-dieci gradi Celsius è considerata l'ideale per berla.

Specialità stagionali e regionali

Oltre alle birre di fama nazionale e internazionale, esistono innumerevoli varietà stagionali e regionali.

Le birre di segale e di farro sono prodotte e consumate principalmente in Baviera. La segale è stata a lungo una materia prima importante nella produzione della birra. Con la legge sulla genuinità della birra, venne comunque vietato ai birrai di utilizzare questo tipo di grano, al fine di renderlo disponibile esclusivamente per la cottura del pane. Dal 1988, però, venne prodotta di nuovo anche con la segale, al fine di essere in grado di produrre i tipi più variegati di birra. Spesso ricorda la birra di frumento, ma il sapore della birra di segale è spesso più simile al pane e la schiuma è più grossa e di colore più scuro.

Soprattutto tra i bevitori di birra attenti alla salute, la birra di farro, nel frattempo, è diventata molto popolare, poiché questo grano contiene un contenuto proteico nettamente superiore e più vitamine e sostanze minerali rispetto ad altri.
Una specialità regionale è la birra di luna piena, prodotta per la prima volta ad Appenzello, in Svizzera. La produzione di birra nelle notti di luna piena con l'aiuto della luna e l'utilizzo delle migliori materie prime provenienti da coltivazioni biologiche, portarono ad un gusto particolarmente corposo di questo tipo di birra.

La legge sulla genuinità esiste da più di 500 anni. È quindi la più antica legge alimentare del mondo, che è valida ancora oggi.

La risoluzione della legge

Fu introdotta dai duchi Guglielmo IV e Ludovico X nell'aprile 1516 a Ingolstadt. Questa dichiarava che potessero essere prodotte solo le materie prime: orzo, luppolo e acqua. Questo regolamento fu introdotto perché al posto del luppolo venivano utilizzate come aromi le erbe più diverse, come ad esempio il giusquiamo. Queste e l'uso di bile di bue, corteccia di quercia o trucioli di abete rosso non solo portarono ad una bevanda con un cattivo gusto, ma anche, in alcuni casi, ad una bevanda mortale. Il mancato rispetto di questo regolamento comportava il ritiro della licenza e, nel caso di ingredienti velenosi, anche la pena di morte.
Un'altro motivo per cui fu istituita la legge era il tentativo di combattere la mancanza di cibo; il frumento non doveva essere utilizzato per la produzione di birra, ma esclusivamente per quella del pane. Lo stesso valeva per l'avena, che veniva coltivata per nutrire i cavalli.

Modifiche della legge sulla genuinità

Finora la legge è stata più volte modificata e adattata. Nel XIX secolo è stata scoperta l'importanza decisiva del lievito per il processo di fermentazione e quindi integrata nella legge sulla genuinità.
Dato che il malto (d'orzo) è più adatto alla produzione di birra che all'orzo puro, anche questo punto è stato ripensato.

Schiuma di birra.
Senza l'aggiunta di lievito non si formerebbe acido carbonico e quindi nessuna schiuma.

Ulteriori regolamenti

Nel 1923 fu promulgata la legge tedesca sulle imposte della birra (BierStG). Questo ha determinato gli ingredienti di malto d'orzo, luppolo, lievito e acqua per la birra a bassa fermentazione e amido e zucchero di canna per la birra ad alta fermentazione. Nel corso della seconda guerra mondiale, tuttavia, non si è prestata ulteriore attenzione a questa legge, motivo per cui nel 1993 è stata redatta una "Legge provvisoria sulla birra" (VorlBierG). Ciò ha attenuato il vecchio regolamento, ad esempio consentendo l'utilizzo anche dell'estratto di luppolo.
Un'eccezione speciale per la birra di frumento esisteva dal 1602 - il "privilegio della birra di frumento". Questo permetteva ai mastri birrai di utilizzare il grano pagando un certo importo, che era proibito dalla legge originale.

Il luppolo è stato inserito nella legge sulla genuinità del 1516 e viene considerato una delle materie prime decisive nella produzione della birra. I monaci e le suore ne erano già consapevoli e prestarono particolare attenzione alla buona qualità del luppolo utilizzato.

Coltivazione e raccolta

Questo frutto può essere coltivato solo in zone molto specifiche, in quanto il terreno deve essere profondo e argilloso-sabbioso. Anche il clima è decisivo. In primavera dovrebbe essere asciutto e caldo, a maggio dovrebbe esserci più pioggia. Per ottenere una resa particolarmente elevata, dovrebbe seguire un'estate fresca e piovosa.
La raccolta avviene per la maggior parte solo nelle tre settimane tra agosto e settembre. Il luppolo deve essere lavorato immediatamente in modo che non si rovini. Vengono selezionati i pigmenti migliori - la parte che porta i fiori - delle piante femminili. Questi vengono essiccati per aumentarne la durata di conservazione e poi trasformati principalmente in pellet e raffreddati.

Durata di conservazione della birra

Poiché solo pochi decenni fa si sono rese disponibili le possibilità di raffreddare sufficientemente la birra, i mastri birrai dei secoli passati dovevano trovare altri modi per conservare la birra. Nel XVIII e XIX secolo, in particolare, producevano la loro birra con una percentuale particolarmente elevata di luppolo, perché ciò impediva lo sviluppo di germi (patogeni). La birra è stata conservata a lungo senza additivi chimici.

La birra KWIK viene versata.
La Kölsch di KWIK viene versata.

Il gusto unico della birra

L'aggiunta del luppolo conferisce alla birra anche il tipico sapore amaro. Il solo malto darebbe alla bevanda un aroma troppo dolce, motivo per cui il luppolo contrasta con le sue sostanze amare.
Si distingue tra luppolo amaro e luppolo aromatico. Quest'ultimo contiene molti oli aromatici, che sono decisivi per un gusto di birra più variegato. È inoltre importante sapere dove è stato coltivato il luppolo. Una stessa varietà di luppolo può sviluppare sapori diversi in differenti parti del mondo.

Birra - anche un piacere per l'occhio

Il luppolo non è responsabile solo della durata di conservazione e del gusto, ma ha anche un'importanza decisiva dal punto di vista estetico. Grazie a questa e alle sue proprietà che migliorano la schiuma, la birra ottiene la sua ferma corona di schiuma.

Chiunque abbia mai bevuto una birra stantia sa che l'anidride carbonica appartiene alla birra, proprio come il luppolo e il malto. Offre un'esperienza del gusto unica, inconfondibile e frizzante sia sulla lingua che sul palato.

Ma come si sviluppa effettivamente l'anidride carbonica?

Per rispondere a questa domanda, dobbiamo prima di tutto chiarire una vecchia credenza. In questo senso, l'anidride carbonica, come viene volgarmente chiamata, non esiste affatto. Quando parliamo di anidride carbonica, in realtà intendiamo il biossido di carbonio. Il gas che fuoriesce quando apriamo una bottiglia e che ci fa sentire il suono sibilante che ci è così familiare non è anidride carbonica ma biossido di carbonio.

Quando il biossido di carbonio (CO2) e l'acqua (H20) si incontrano, si forma l'anidride carbonica (HCO3). L'acido carbonico, tuttavia, è molto instabile e si decompone in frazioni di secondi in ioni bicarbonato caricati elettricamente (HCO3 - ) e protoni (H + ).

Il biossido di carbonio (CO2), chimicamente corretto, è responsabile dell'inconfondibile spumeggiare della bevanda rinfrescante.

Dopo un breve excursus nella chimica, possiamo tornare alla nostra domanda vera e propria. Come nascono i gas ascendenti, che conferiscono la nota vivace e unica nel suo genere?

Ora entra in gioco il nostro lievito curativo miracoloso. Il lievito è un organismo vivente e lavora molto durante il processo di fermentazione. Converte lo zucchero contenuto nel malto in biossido di carbonio. Non è responsabile solo della formazione dell'anidride carbonica, ma anche della formazione di alcool. Vengono prodotti anche altri prodotti metabolici, come aromi e molti altri aromi naturali.

La domanda, quindi, è già stata chiarita e il lievito ha assunto un valore completamente nuovo. Mentre aspettiamo comodamente il nostro prodotto finale, il lievito è al lavoro senza sosta.

Il freddo ha sempre consigliato una birra calda. Infatti, le sostanze amare contenute hanno un effetto antibatterico e gli oli essenziali contenuti nel luppolo favoriscono il sonno. A parte questo, tuttavia, la maggior parte degli intenditori descriverà la propria birra come non commestibile quando è calda e preferisce la versione fredda.
La temperatura ottimale è di 5-8 gradi Celsius, che può essere raggiunta semplicemente conservando la birra in frigorifero. Poiché grandi sbalzi di temperatura possono danneggiare il gusto, si dovrebbe comunque evitare di raffreddare la birra nel vano freezer. Se il tempo stringe, una vasca da bagno o un secchio di acqua fredda e ghiaccio è l'ideale per conservarla.
Anche se è molto popolare soprattutto in estate, non si dovrebbe bere la birra troppo fredda. Questo permette di raggiungere la freschezza desiderata, ma il gusto e l'aroma della birra non possono più essere percepiti appieno.
Alcuni tipi di birra possono essere bevuti anche ad una temperatura superiore agli otto gradi Celsius, perché solo così possono sviluppare il loro aroma ottimale. Queste includono birre forti fino a 14 gradi Celsius e alcune birre Bock, Porter, Stout, IPA, Ale e la birra affumicata.

Una descrizione di questo nuovo movimento

La Birra Artigianale è una birra prodotta in piccole birrerie con il metodo tradizionale. Si differenzia significativamente dalle birre convenzionali per la varietà dei gusti. Hanno il coraggio di provare nuove varietà, motivo per cui una birra di questo tipo può talvolta assumere il sapore del cioccolato, del caffè o, ad esempio, prevalentemente aspro.

Miscelazione e controllo della temperatura dell'impasto.
In teoria, possiamo usare anche altri aromi.

La storia delle origini

Negli anni '70, l'intero mercato della birra negli Stati Uniti era di proprietà di tre gruppi di birrifici. Molti appassionati hanno poi iniziato a produrre la propria birra per contrastare lo stesso gusto. Nel 1978, il presidente americano Jimmy Carter ha concesso il permesso di vendere commercialmente queste birre di produzione propria. Nel corso del tempo i birrai artigianali si sono sviluppati a partire da questa concessione.
La Birra Artigianale divenne davvero famosa intorno al 2000, quando i prodotti biologici divennero sempre più popolari e la gente prestava maggiore attenzione al cibo e ai suoi ingredienti. Le piccole imprese hanno ricevuto più sostegno delle grandi imprese, motivo per cui l'artigianato originale della birra è stato ancora una volta più apprezzato.

Birrifici artigianali

Una birreria che produce birra artigianale deve soddisfare diversi criteri. In primo luogo, si presta molta attenzione alla tradizione e questo ha portato ad eliminare molte macchine. Inoltre, il volume di produzione è di solito relativamente piccolo (ci sono, però, eccezioni!) e la birreria non è così fuori dal grande commercio. Sono molto indipendenti e per tre quarti di proprietà del mastro birraio.
Tuttavia, l'obiettivo è sempre quello di mantenere lo standard di alta qualità, anche grazie a materie prime di buona qualità. Allo stesso tempo, tuttavia, deve esserci anche spazio per le nuove varietà e per sperimentare il gusto.

La birra artigianale è compatibile con la legge sulla genuinità?

Nel 1516, la legge tedesca sulla genuinità stabiliva che la birra poteva essere prodotta solo con luppolo, malto e acqua. In seguito, è stato aggiunto l'uso del lievito.
Tuttavia, ci sono più di due milioni di combinazioni possibili di queste materie prime per produrre birra, dato che sono disponibili quasi innumerevoli varietà di luppolo e malto. La varietà di gusti è, quindi, comunque ampia.

Ma se questo non è sufficiente per te e vuoi preparare la tua birra con spezie, erbe, frutta o anche birra espresso, si può farlo seguendo alcune regole.
Una volta esisteva la possibilità di produrre birra al di fuori della Germania, dove il requisito di genuinità non aveva validità. D'altra parte, questo può accadere anche in Germania, a condizione che il prodotto finito non venga denominato "birra".

Vincitore
Il nostro vincitore del test: BRAUKÖNIG Set per produrre birra artigianale Braubox tipo chiara Braufässchen Set per la produzione di birra in proprio Braufässchen Set per birra da produzione propria Bier Kwik Il set per la produzione domestica di birra

BRAUKÖNIG

Set per produrre birra artigianale

Braubox

tipo chiara

Braufässchen

Set per la produzione di birra in proprio

Braufässchen

Set per birra da produzione propria

Bier Kwik

Il set per la produzione domestica di birra
mostra tutte le offerte mostra tutte le offerte mostra tutte le offerte mostra tutte le offerte mostra tutte le offerte

*Tutti i prezzi includono l'IVA. Eventuali costi di spedizione aggiuntivi. Verificare la disponibilità presso il rivenditore online. Sono possibili variazioni di prezzo successive all'ultimo aggiornamento.

Valuta questo test